Studi di settore
studi di settore e parametri contabili
Sito specializzato negli studi di settore e parametri contabili

Documenti in formato PDF, visualizzabile con Acrobat Reader

LA GUIDA AGLI STUDI DI SETTORE


Il ruolo dei contribuenti e delle loro organizzazioni di categoria. Gli Osservatori provinciali

La costruzione degli studi di settore è stata possibile grazie alla collaborazione dei contribuenti, sia singolarmente, sia attraverso le proprie organizzazioni professionali di categoria. Le organizzazioni di categoria hanno dato un contributo essenziale partecipando alla predisposizione di questionari per la raccolta delle informazioni necessarie all’elaborazione degli studi di settore e alla validazione degli studi elaborati.

Il nuovo strumento di accertamento, pertanto, non è più astratto, lontano dalla realtà aziendale o professionale, ma per la prima volta può vantare questa importante condivisione ed accettazione preventiva da parte delle associazioni di categoria e degli ordini professionali direttamente interessati.

Tale collaborazione prosegue ora nel tempo all’interno degli Osservatori che sono stati costituiti per ciascuna Provincia, con provvedimento del Direttore Regionale delle Entrate, in base al decreto del Direttore Generale del Dipartimento delle Entrate del 15 aprile 1999. Fanno parte degli Osservatori provinciali:

· un dirigente della Direzione Regionale delle Entrate con funzioni di presidente;

· due funzionari degli uffici dell’Agenzia delle Entrate presenti sul territorio provinciale;

· due rappresentanti delle associazioni di categoria più rappresentative in sede provinciale in ciascuno dei settori produttivi dell’industria, del commercio e dell’artigianato;

· un rappresentante degli ordini professionali degli esercenti arti e professioni in ciascuno dei seguenti quattro settori: economico, giuridico, tecnico e sanitario.

Gli Osservatori hanno la funzione di:

· individuare le situazioni in cui lo studio non risulta idoneo a rappresentare la realtà economica di determinate attività, anche con riferimento a specifiche aree geografiche o economiche;

· rilevare informazioni utili a migliorare la capacità degli studi di rappresentare la realtà cui si riferiscono;

· provvedere, per il tramite della Direzione Regionale delle Entrate, a trasmettere le informazioni assunte all’attenzione della Commissione di esperti che formulerà le proprie osservazioni all’Agenzia delle Entrate.

Home page - Legislazione - Prassi - Giurisprudenza - Commenti - Software - Link utili